MARSICOVETERE

 

" Trae il nome da una colonia di Marsi, nel 1860 passò al Regno d'Italia e fu funestata dalla presenza di bande di briganti... "

 

 " Feste & Sagre - Indirizzi Utili "

Superficie: 37,82 kmq - Abitanti: 2.310 - Dista da Potenza: 86 km - CAP: 85050 - Alt.1037 slm - Municipio 097569033.

Profilo storico:

Centro di origine romana, sorto nel luogo ove si trovano i ruderi di un abitato, la Civita, poi trasferitosi nel sito attuale, trae il nome da una colonia di Marsi, stanziatesi nella valle dell' Agri. La distruzione di Grumentum avvenuta nell'872 d.C. ad opera dei Saraceni, indusse i profughi di questa città a cercare rifugio sui contrafforti del monte Volturino. Fu contea nell'anno 1000, nel 1948 Re Federico d'Aragona, donò il paese a Giovanni Caracciolo con il titolo di principe. La famiglia lo tene fino al 1621, data in cui lo vendette alla casa Di Palma; ma dopo poco lo riacquistò. La signoria del Caracciolo durò fino al 1777. Nel 1857 subì un forte terrremoto, nel 1860 passo al Regno d'Italia e fu funestata dalla presenza di bande di briganti, che poi furono sbaragliati da bersaglieri.

Marsicovetere oggi:

Il paese oggi offre molto ai suoi cittadini e turisti, è infatti rinomato centro commerciale (posto a valle nella frazione denominata "Villa d'Agri") ed anche punto di riferimento di sagre importanti come quella del prosciutto, e del tartufo. Quest'ultime si svolgono in un mare di verde offerto dal monte Volturino, che durante l'inverno offre ai tanti visitatori la possibilità di sciare su piste munite di seggiovia nonchè di skilift.

Da vedere:

La Chiesa Madre "ss.Pietro e Paolo", che accoglie una scultura lignea del sec.XIV raffigurante la Madonna col Bambino; I palazzi gentilizzi.

 

Grumento Nova - Marsiconuovo - Marsicovetere - Moliterno - Montemurro - Paterno - San Chirico Raparo - San Martino d'Agri - Sarconi - Spinoso - Tramutola - Viggiano       

Home page